RISERVA DELLA CASCINA

Riserva della Cascina - Vini Biologici

Passione e vini biologici nel parco dell’Appia Antica

…et però credo che molta felicità sia agli homini che nascono dove si trovano i vini buoni…

[Leonardo Da Vinci] 

” Riserva della Cascina “

E’ il nome del vigneto tratto dalle antiche mappe catastali. La nostra è una piccola azienda che nasce in famiglia: da sempre agricoltori, ci dedichiamo esclusivamente alla viticoltura da quattro generazioni.

” Il Biologico “

E’ un modo di vivere e di essere. Sia in vigna che in cantina seguiamo la regola di non usare prodotti chimici di sintesi nocivi per la Terra e per chi beve i nostri vini, come da disciplinare UE.

” I Vini “

Sono una fedele espressione del territorio: la natura vulcanica del suolo e una cura costante del vigneto garantiscono l’elevata qualità delle nostre uve. Unicità e genuinità sono le caratteristiche dei nostri vini.

Nel 1945, Giovanni Brannetti compra un terreno nell’agro romano e avvia la coltivazione del vigneto insieme alla moglie Ida. La loro attività viene portata avanti dal figlio minore, Giuseppe, che fin da bambino si appassiona al lavoro in campagna. Per anni padre e figlio si affiancano nella produzione del vino: fin dall’inizio non fanno uso di diserbanti né di concimi chimici. La moglie di Giuseppe, Daniela, si occupa della commercializzazione del vino, che vendono sfuso; pian piano, negli anni, la qualità dei vini migliora. Nel 1986 Giuseppe e Daniela comprano un vigneto nel Parco dell’Appia Antica, sul quale fondano l’azienda Riserva della Cascina. Nel 1994 ottengono la certificazione del metodo biologico con Suolo e Salute e dopo cinque anni imbottigliano il primo IX Miglio Bianco, che si chiamava “Marino Superiore“. Seguono il IX Miglio Rosso e poi, anni dopo, Gallieno e Costa di Basalto. Il tempo trascorre tra il lavoro in vigna e in cantina di Giuseppe, e il costante impegno di Daniela nel punto vendita, che diventa anche luogo di ritrovo di clienti affezionati. Nel 2011 la figlia maggiore, Silvia, avendo terminato gli studi accademici, sceglie di lavorare con loro, e intraprende questa vita fatta di tanto lavoro, ma anche di tante soddisfazioni.

il biologico

 VOGLIAMO BENE ALLA TERRA

“L’uomo è infinitamente piccolo di fronte alla Natura, ma infinitamente grande se accetta di farne parte”

[Blaise Pascal]
 

IN VIGNA

Non usiamo diserbanti e sostanze chimiche, recuperando un’agricoltura tradizionale, con tecniche più moderne. Il minimo impatto del nostro lavoro preserva l’equilibrio ambientale senza stressare il suolo e le piante. Il nostro è un impegno che ci siamo presi da sempre, perché produrre vino nel rispetto della natura è un atto di amore verso la Terra e una promessa mantenuta verso noi tutti e le generazioni future.

IN CANTINA

Seguiamo il disciplinare UE, che vieta l’utilizzo di molti prodotti enologici convenzionali. In particolare, si limita la quantità di solfiti aggiunti. In questo però, siamo ancora più bravi: la quantità di solfiti che aggiungiamo è del 40% al di sotto del limite UE per i vini biologici. Poiché non facciamo uso di chiarificanti di origine animale, né di allergeni come la caseina e l’albumina, i nostri vini possono essere bevuti anche dai vegani.

NEL BICCHIERE

Tutto ciò che assorbono il terreno e la vite, lo ritroviamo nel bicchiere. Siccome abbiamo a cuore la salute della Terra, delle persone che la lavorano e di quelle che bevono i nostri vini, ci impegniamo al massimo per garantirla. In particolare da ricerche condotte dall’Università di Tor Vergata, è emerso che i nostri vini contengono oltre il 50% di antiossidanti in più rispetto ai vini convenzionali.

CERTIFICAZIONI

Un vino può essere chiamato biologico solo se è stato certificato come tale a seguito di attenti controlli del processo produttivo. Il nostro ente certificatore è Suolo e Salute. Abbiamo inoltre la garanzia Aiab. Cliccate sui loghi per saperne di più.